Le suggestioni musicali

14 - Casa Tartini

La casa natale del compositore e violinista Giuseppe Tartini è un monumento culturale importante, ubicato tra una serie di edifici sul lato nord dell’allora porto (mandracchio) e dell’attuale piazza che dal tardo Medioevo rappresenta lo spazio urbano centrale di Pirano.

L’edificio si erge sul luogo dove sorgeva una casa gotica, costruita nel XIV secolo da una rispettabile famiglia piranese di navigatori, i Pizagura. Quando, alla fine del XVII secolo, Giovanni Antonio Tartini e Caterina Zangrando si sistemarono lì dopo il matrimonio, la casa era di proprietà della famiglia della sposa, uno dei casati più antichi e in vista di Pirano. Da allora la casa fu più volte riedificata e riqualificata. I dipinti murali furono creati in maggior parte su commissione da parte del nipote di Giuseppe Tartini, Pietro Tartini, che ereditò il patrimonio del compositore. Agli inizi del XIX secolo, la casa natale di Tartini passò a nuovi proprietari, il casato dei Vatta, che onorò il noto parente con una targa commemorativa sulla facciata principale della casa; nel 1885, invece, il podestà Pietro Vatta fece intitolare la piazza dinanzi alla casa – che allora non aveva un nome ufficiale – a Tartini.

Nella casa, oggi di proprietà della Comunità degli italiani Giuseppe Tartini, si svolgono eventi culturali, mostre e altri laboratori artistici. Nella stanza di Tartini sono esposti alcuni suoi oggetti personali del musicista, raffigurazioni, manoscritti e lavori di carattere scientifico. Il percorso interattivo museale che porta in quasi tutti gli spazi della casa offre al visitatore la possibilità di vivere un’esperienza virtuale della vita di Tartini e del suo lavoro.