Lungo i passi di una vita

5 - L’infanzia spensierata del piccolo Giuseppe

A Strugnano, vicino la piccola chiesa di S. Basso, la famiglia Tartini costruì una villa di campagna con una vista spettacolare sul mare e sulla città di Pirano. Ispirandosi alla tradizione delle ricche famiglie veneziane, i Tartini, oltre alla sede permanente in città, avevano quindi anche una residenza estiva a Strugnano. Il loro podere si estendeva dalla costa fino alla croce di Strugnano e comprendeva vasti uliveti, campi di sale e zone per l’allevamento ittico. Nella sua città natale e a Strugnano, Giuseppe, che a casa veniva chiamato Beppo, trascorse un’infanzia allegra e spensierata. Oggi il podere della famiglia Tartini rappresenta un'area naturale protetta nell’ambito del Parco naturale di Strugnano, mentre la Villa Tartini con il relativo parco è una struttura demaniale usata per le cerimonie di Stato: sebbene completamente riedificato negli anni 1956–1958, l’edificio conserva il nome dell'antica residenza estiva della famiglia Tartini.