Lungo i passi di una vita

16 - Lo studio dell'archetto

Dopo aver sentito suonare Francesco Maria Veracini a Venezia, Tartini sentì il bisogno di ritirarsi in centro Italia per perfezionarsi ulteriormente dal punto di visita tecnico. Successivamente fece elaborarre degli archetti modificati secondo le sue esigenze esecutive, quindi più lunghi del normale. Qui per mantenersi andò a suonare presso il Teatro della Fenice.